Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Glaucomatosi più predisposti ad altre malattie

Glaucomatosi più predisposti ad altre malattie Un’analisi di oltre 76mila persone ha dimostrato una maggiore incidenza di ipertensione, diabete e iperlipidemia. Da non trascurare anche il rischio depressione 11 novembre 2010 - Chi ha il glaucoma è più a rischio di avere altre malattie: si va dalle ulcere ai problemi al fegato, passando per la pressione alta, il diabete e la depressione. Il nesso tra queste patologie non è sempre chiaro, ma è stato individuato grazie a un ampio campione statistico. Un’équipe di ricercatori guidati dalla Tapei Medical University di Taiwan ha analizzato, infatti, i dati relativi a 76.673 persone affette dalla forma più comune di glaucoma (detta ‘ad angolo aperto’), confrontandoli poi con 230.019 individui con occhi sani, tenendo conto dell’età, del genere e di altri fattori. Più della metà dei pazienti glaucomatosi soffriva anche d’ipertensione (50,5%) e oltre il 30 per cento aveva il diabete (il 30,2% aveva un eccesso di zuccheri nel sangue) o di iperlipidemia (il 30,5% aveva troppi grassi dannosi in circolo). Inoltre, la prevalenza di malattie quali l’ictus, le malattie epatiche o l’ulcera era più elevata almeno del 3%. Il glaucoma stesso, a sua volta, può provocare altri problemi di salute: quando il campo visivo si riduce in seguito a danni al nervo ottico , il fatto di avere difficoltà a leggere, guidare e godere degli altri piaceri della vita accresce il rischio di depressione e di altri problemi psicologici. Dunque, è fondamentale sottoporsi regolarmente a controlli oculistici che comprendano la misurazione della pressione intraoculare (tono): nel caso in cui sia troppo elevata bisogna trattarla mediante colliri e, nei casi estremi, si può ricorrere a un intervento chirurgico. “I dottori che curano il glaucoma o le altre malattie elencate dovrebbero essere consapevoli del fatto che i loro pazienti possono avere patologie multiple”, ha dichiarato il direttore della ricerca Jai-Der Ho della Tapei Medical University. Lo studio è stato condotto a Taiwan su scala nazionale e pubblicato nel numero di Novembre di Ophthalmology, rivista ufficiale dell’AAO (American Academy of Ophthalmology).

Fonti: American Academy of Ophthalmology, Ophthalmology .

Ultima modifica: 9 dicembre 2010

Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.