Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Eventi

Giornata mondiale della vista

Check-up oculistico gratuito della IAPB Italia onlus Giornata mondiale della vista Il 10 ottobre si è celebrata con la IAPB e l’OMS: in Italia è stata dedicata ai bambini. Il Ministro della Salute: “La prevenzione prima di tutto“ Sono stati i bambini i protagonisti della Giornata mondiale della vista che si è celebrata il 10 ottobre 2013. Per loro, infatti, l’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus ha avuto un occhio di riguardo. Proprio ai giovanissimi sono stati dedicati in Italia i check-up oculistici gratuiti che si sono svolti in diverse scuole primarie in collaborazione con l’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti. Alla Giornata mondiale della vista – promossa ogni anno il secondo giovedì di ottobre dall’Oms e dalla IAPB – hanno aderito complessivamente le scuole elementari di 68 città italiane, dove sono stati distribuiti speciali opuscoli. Giornata mondiale della vista 2013: da sinistra l'avv. Giuseppe Castronovo (Presidente della IAPB Italia onlus), il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, il Presidente del Senato Pietro Grasso e il Segretario generale della IAPB Italia onlus Tiziano MelchiorreAlla conferenza sulla vista organizzata per l’occasione dalla IAPB Italia onlus presso il Senato della Repubblica (Biblioteca G. Spadolini) sono intervenuti, tra gli altri, il Presidente del Senato Pietro Grasso e il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. La prevenzione prima di tutto è uno slogan ma, ancora di più, deve diventare uno stile di vita degli italiani“ – ha sottolineato la titolare del Dicastero della Salute – i quali tendono a ignorare o a sottovalutare i problemi della vista. Per questo, ha proseguito Lorenzin, “noi abbiamo la necessità del Piano Nazionale di Prevenzione: ancora non abbiamo raggiunto le pari possibilità di assistenza per la popolazione di tutte le regioni italiane“. Si consideri che solo in Italia ci sono 362 mila non vedenti e oltre un milione di ipovedenti tra piccoli e adulti. Nel mondo complessivamente, secondo l’Oms, vivono (su 285 milioni di disabili visivi) ben 18,9 milioni di bambini con un handicap visivo grave , di cui 17,5 milioni sono ipovedenti e 1,4 milioni sono ciechi. La prevenzione delle malattie oculari nei bambini è possibile soprattutto grazie a controlli oftalmici periodici , da iniziare entro i primi tre anni di vita e da proseguire durante la scuola. Tra i cinque sensi la vista è quella che fornisce più informazioni al cervello, pari all’80 per cento circa. Prendersene cura fin da piccoli significa poter preservare un aspetto fondamentale della qualità della vita. “Anche attraverso la vista i bambini imparano a muovere le mani, a muoversi nell’ambiente e, quindi, a crescere“, ha affermato il Prof. Eugenio Mercuri del Policlinico A. Gemelli di Roma.Conferenza Giornata mondiale della vista (10 ottobre 2013, biblioteca G. Spadolini, Sala degli atti parlamentari, Senato della Repubblica) “La vista ‘illumina’ l’esistenza umana – ha commentato l’avv. Giuseppe Castronovo, Presidente della IAPB Italia onlus – e deve essere tutelata a ogni costo. Si tratta, infatti, di proteggere l’integrità di un senso importantissimo per l’uomo. Sottoporsi a controlli oculistici regolari significa difendere la qualità della vita. Rivolgo quindi un appello alle famiglie e agli insegnanti: qualora osservassero qualche lieve difetto o un problema oculare immediatamente lo facciano controllare da un oculista, il solo che può individuare la causa del disturbo visivo. I bambini dovrebbero essere periodicamente sottoposti a un check-up: una visita oculistica può salvare la vista, ma la diagnosi deve essere precoce e tempestiva”. “Il primo consiglio per i genitori è l’educazione alla salute: non devono tardare ad accettare di essere gli attori principali della salute dei propri figli, ha osservato il dott. Silvio Mariotti, esperto dell’Oms per la Prevenzione della Cecità. Il secondo consiglio – ha aggiunto l’esperto – è di non tardare a portare i figli agli esami oculistici preventivi precoci. Una malattia oculare identificata in tempo è curabile, mentre identificata tardi è solo

Fonte di rimorsi e di danni visivi ai bambini. Durante precedenti campagne della IAPB Italia onlus nei bambini si sono riscontrati disturbi oculari di qualche sorta in sei casi su cento. I problemi visivi nell’infanzia vanno dallo strabismo all’occhio pigro (ambliopia), passando per difetti come l’astigmatismo, l’ipermetropia o la miopia. GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA Giovedì 10 ottobre 2013, ore 11 Sala degli Atti Parlamentari, Biblioteca G. Spadolini del Senato della Repubblica, Palazzo della Minerva, piazza della Minerva 38, Roma Moderatore: Franco Di Mare Sono intervenuti: Pietro Grasso , Presidente del Senato (leggi il suo discorso) Beatrice Lorenzin , Ministro della Salute Lucio Romano , Commissione Igiene e Sanità del Senato Silvio Paolo Mariotti , Prevenzione della Cecità Organizzazione Mondiale della Sanità Leonardo Mastropasqua , Direzione Nazionale IAPB Italia, Direttore della Clinica Oftalmologica-Centro Reg. di Eccellenza Università di Chieti-Pescara G. D’Annunzio Eugenio Mercuri , Università Cattolica del Sacro Cuore, Direttore UOC di Neuropsichiatria Infantile Policlinico A. Gemelli Zygmunt Zimowski , Presidente del Pontificio Consiglio degli Operatori Sanitari Giuseppe Castronovo, Presidente dell’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia Tommaso Daniele , Presidente dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Matteo Piovella , Presidente della Società Oftalmologica Italiana Conferimento Premio Internazionale G.B. Bietti Silvio Paolo Mariotti , Organizzazione Mondiale della Sanità Francesco Cicogna , Ministero della Salute Conferimento Medaglia di Benemerenza

Pagina pubblicata il 17 settembre 2013.

Ultima modifica: 26 novembre 2013


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.