Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Giochi di sguardi

Tracciatore oculare (Eye tracker).</p>
<p>Fonte: <a href=www.cobain.org" src="http://www.iapb.it/images/Eye_tracker-Ragazza_bnd-Cogain.jpg" class="left" >Giochi di sguardi
Controllare il computer spostando gli occhi: l’Ue incentiva le tecnologie per disabili

17 luglio 2009 - Si può giocare col computer a ‘colpo d’occhio’: direzionando il proprio sguardo si controlla il puntatore del mouse o la tastiera grazie a un software gratuito. però bisogna disporre di un tracciatore oculare (eye-tracker) capace di rilevare il punto che stiamo osservando (si usano delle minitelecamere montate sugli occhiali). Infatti, è in corso un progetto di comunicazione mediante l’interazione visiva, finanziato dall’Unione europea con 2,9 milioni di euro nell’ambito delle “Tecnologie della società dell’informazione”. Si tratta di un progetto di respiro internazionale portato avanti grazie a una collaborazione tra università, tra cui quella di Copenhagen (Danimarca), l’università finlandese di Tampere e quella inglese di De Montfort.

Dunque, persone con gravi disabilità motorie, in virtù dei propri occhi, possono riscattarsi nel mondo della virtualità, Disabile motoriacontrollando un proprio alter ego virtuale (avatar); quindi, la condizione di disabile trova sollievo e conquista nuove possibilità grazie al movimento del proprio sguardo. “Per le persone affette da paralisi cerebrale, sclerosi laterale amiotrofica (Sla) o dalle cosiddette “őālocked in syndrome“őā - ha dichiarato il professor Howell Instance, che insegna presso la De Montfort University (UK) - potersi muovere e interagire all“őāinterno di uno spazio virtuale è un“őāesperienza veramente liberatoria”.

Sono stati analizzati i movimenti oculari di giocatori che non presentavano alcuna disabilità, al fine di sviluppare una sorta di mappa visiva, con cui si sono potuti attivare i vari comandi a seconda della zona osservata dall’utente. “Nella versione attuale - ha spiegato ancora il professor Instance - abbiamo programmato 12 sequenze oculari per attivare vari comandi della tastiera o del mouse”.

C’è persino la possibilità di scrivere con lo sguardo: la velocità raggiunta è - secondo due ricercatori dell’Università di Copenhagen - di circa 6,3 parole al minuto. I dispositivi più precisi consentono di selezionare persino una lettera e di correggerla: valutando la durata con cui si fissa lo sguardo in un punto si distingue un’azione intenzionale da un’occhiata meramente casuale. Si usa il tracciatore oculare persino per immergersi nei videogame in modo più completo, rendendo l’interazione più immediata. Nonostante i grandi progressi registrati, tuttavia, il problema principale è legato all’imprecisione e ai costi ancora elevati dei dispositivi.

Sempre per i disabili motori, infine, si stanno conducendo esperimenti sul controllo della sedia a rotelle mediante le onde cerebrali; ma in questo caso si tratta di studi ancora più avveniristici: si può far muovere la sedia controllando i propri pensieri.

“Communication by gaze interaction” (Cogain)
Sesto programma quadro

Fonti: cogain.org, marketpress.info.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.