Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Difetti e disturbi

Fosfeni

(fotopsie)

Cosa sono?

Consistono nella visione di scintille e lampi di luce, a volte colorati, che potrebbero essere sintomo di malattie retiniche o vitreo-retiniche (ovvero colpiscono sia la retina che il corpo vitreo, il liquido gelatinoso che riempie la cavità del bulbo oculare).

Quali patologie esattamente?

Le alterazioni retiniche o le trazioni vitreali possono creare dei fenomeni avvertiti come lampi di luce o flash di macchina fotografica. Questi sintomi possono essere causati da alterazioni periferiche (come fori retinici) o da patologie più gravi (come il distacco di retina). Possono essere provocati, inoltre, da un iniziale distacco posteriore del corpo vitreo o da sue alterazioni. Raramente si possono presentare in chi non ha alcuna patologia oculare.

Perché si manifestano?

Quando il gel vitreale esercita una trazione sulla retina provocando la visione di flash e lampi in assenza di uno stimolo luminoso reale nell’ambiente esterno.

Quando si manifestano?

Si possono manifestare quando si verifica un distacco del corpo vitreo dalla retina, soprattutto nei soggetti di età superiore ai 50 anni. Infatti il gel vitreale, quando si addensa, esercita uno stiramento sul tessuto retinico e compaiono dei lampi di luce che possono apparire o scomparire per diverse settimane. In questo caso è importante cercare di non fare sforzi (evitare di sollevare carichi troppo pesanti) per evitare danni alla retina. Quando aumenta la visione di corpi mobili e si restringe il campo visivo (con la comparsa tipo di una sorta di “tenda”) bisogna recarsi immediatamente da un oculista per esaminare il fondo dell’occhio, in quanto potrebbe essere avvenuto un distacco di retina.

Si possono curare?

Sì, in base alla patologia oculare che li ha determinati. Si dovrà procedere con un intervento chirurgico in caso di distacco di retina e con trattamenti laser fotocoagulativi per le rotture retiniche. Se i fosfeni sono causati da trazioni vitreali bisogna aumentare l’apporto di acqua e sali minerali. Una ridotta idratazione comporta l’alterazione vitreale che potrebbe essere causa di trazioni sulla retina.

Si manifestano solo in caso di malattie oculari?

No, la visione di scintille si può manifestare durante la fase che precede il mal di testa (aura emicranica), che non sempre è seguita dal dolore (aura senza emicrania, detta anche “abortiva”). Sono gli scotomi (macchie) scintillanti, presenti nel campo visivo solo per qualche minuto, che precedono in genere una cefalea. Questi casi non dipendono da una malattia oculare, ma l’occhio è una delle “vittime” della cefalea.

Le fotopsie, inoltre, possono essere causate da spasmi vascolari retinici: si possono presentare durante un brusco passaggio dalla posizione supina (clinostatismo) a quella eretta (ortostatismo).

In conclusione quando vediamo dei lampi di luce per la prima volta dobbiamo recarci dall’oculista per esaminare il fondo dell’occhio. Sarà questo specialista che, dopo aver esaminato la retina e il corpo vitreo, potrà dire se tali fenomeni siano o meno un segno di patologia.



Scheda informativa a cura dell’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus
Leggi le condizioni generali di consultazione di questo sito

Pagina pubblicata il 27 maggio 2009. Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2016.

Ultima revisione scientifica: 12 settembre 2016.

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.