Salta il menù
Dona oraSostienici con il 5x1000

L’OCULISTA RISPONDE - DISCUSSIONE

Vai a tutte le discussioni

cataratta e maculopatia retinica

Discussione avviata da T4F69 il 4 febbraio 2018

Salve, sono a chiedere un vostro parere in quanto preoccupata per la situazione di mia nonna di 75 anni che soffre di maculopatia retinica bilaterale con puker e cataratta ad entrambi gli occhi; il quesito che andrò a formulare riguarda l’intervento di cataratta al primo occhio; in pratica ho effettuato dei test casalinghi con una tabella alfabetica, mantenendo le stesse condizioni di luce artificiale e posizionando mia nonna alla stessa distanza (3mt). I test hanno riguardato la situazione pre e post intervento, se mi rivolgo a lei, è perché, purtroppo, ho riscontrato dai miei test visivi dei dati anomali ai quali non ho ricevuto una risposta esaudiente, quindi preferirei un vostro parere. Nei primi 7 giorni, dall’intervento di cataratta ad un occhio, si sono visti dei miglioramenti giorno dopo giorno che ci hanno trasmesso entusiasmo; la nonna vedeva prima il doppio poi il triplo di lettere della tabella; purtroppo poi è arrivata la doccia fredda: dopo i primi 10 giorni c’è stata una inversione di tendenza iniziando a regredire settimana dopo settimana, sino al punto di tornare ad una situazione visiva come prima dell’intervento.
In pratica, è passata da vedere qualche lettera a vederne 5, 7, 10, 15 per poi tornare a qualche lettera.
Come è possibile un iter post-operatorio di questo tipo? Dobbiamo aspettarci ulteriori peggioramenti? Come mai un intervento di cataratta (pur problema di maculopatia retinica e puker) non porta a migliorare la vista? Qualcosa forse non è andato come doveva? cosa può essere successo?
La ringrazio anticipatamente se potrà aiutarci a capire un po’ di più.
Oggi la situazione dell’occhio sembra normale, persistono deboli dolie (resistibili) e sensazioni di sabbia che attenuiamo con collirio lubrificante. Mia nonna è preoccupata per il futuro e per l’altro occhio da operare, io mi trovo spaesata e non mi aspettavo tutto questo.
Grazie.
T4F69

risposta dell'oculista

cataratta e maculopatia retinica

Risposta di Oculista

Scritto il 5 febbraio 2018

Gentile utente,
il recupero funzionale dopo l’intervento di cataratta dipende da patologie oculari pre-esistenti; nel caso di sua nonna le difficoltà che riscontra nella visione potrebbero essere legate alla presenza del pucker maculare.
Purtroppo i test "casalinghi" non sono attendibili e sarà cura dell’oculista che la segue controllare la vista della signora. Potrebbe avere necessità di occhiali e con quelli avere una visione discreta.
Cordiali saluti,
IAPB Italia Onlus.

risposta dell'oculista

cataratta e maculopatia retinica

Risposta di Oculista

Scritto il 5 febbraio 2018

Gentile utente,
il recupero funzionale dopo l’intervento di cataratta dipende da patologie oculari pre-esistenti; nel caso di sua nonna le difficoltà che riscontra nella visione potrebbero essere legate alla presenza del pucker maculare.
Purtroppo i test "casalinghi" non sono attendibili e sarà cura dell’oculista che la segue controllare la vista della signora. Potrebbe avere necessità di occhiali e con quelli avere una visione discreta.
Cordiali saluti,
IAPB Italia Onlus.

risposta dell'oculista

cataratta e maculopatia retinica

Risposta di Oculista

Scritto il 5 febbraio 2018

Gentile utente,
il recupero funzionale dopo l’intervento di cataratta dipende da patologie oculari pre-esistenti; nel caso di sua nonna le difficoltà che riscontra nella visione potrebbero essere legate alla presenza del pucker maculare.
Purtroppo i test "casalinghi" non sono attendibili e sarà cura dell’oculista che la segue controllare la vista della signora. Potrebbe avere necessità di occhiali e con quelli avere una visione discreta.
Cordiali saluti,
IAPB Italia Onlus.

Registrati

È necessario registrarsi per scrivere su questo forum.

Per continuare a rispondere al post registrati oppure effettua il login dal box a sinistra.