Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

FDA, il laser finisce sotto osservazione

FDA, il laser finisce sotto osservazione Si studia la qualità della vita di chi si è sottoposto a un intervento di chirurgia refrattiva LASIK 19 ottobre 2009 - Il laser per la chirurgia refrattiva è finito sotto osservazione. Infatti, la Food and Drug Administration (FDA), ente governativo americano che si occupa soprattutto di salute, ha avviato uno studio per capire quali effetti abbia la LASIK, una delle principali tecniche chirurgiche utilizzate per eliminare o ridurre i vizi refrattivi (miopia, ipermetropia e astigmatismo). La ricerca viene condotta con la stretta collaborazione dell’Istituto Nazionale di Oculistica statunitense (NEI) e del Dipartimento della Difesa Usa; suo fine è quello di “determinare la percentuale di pazienti affetti da problemi significativi per la qualità della vita dopo l’intervento di LASIK e di identificare i fattori predittivi di tali problemi”. Cosa accade con la LASIK? Al centro delle attenzioni (e delle preoccupazioni) c’è la tecnica chirurgica che fa ricorso a un laser detto a eccimeri “per cambiare – scrive la FDA – in modo permanente la forma della cornea”, la superficie oculare trasparente posta davanti all’iride. Così, infatti, si può fare a meno di lenti a contatto ed occhiali, almeno se l’operazione va a buon fine: è come se col laser venisse scolpita una lente. Tuttavia, la tecnica non è esente da rischi perché l’assottigliamento della cornea può dare origine a cedimenti (è come se si scolpisse una diga). Che rischi si corrono con la LASIK? “La LASIK sicuramente – ha affermato il Prof. Corrado Balacco Gabrieli, direttore del Dipartimento di oculistica dell’Università La Sapienza di Roma – è un intervento correttivo dei vizi di refrazione che può presentare qualche problema: ci sono moltissimi articoli in letteratura che descrivono le complicanze anche a lungo termine, innanzitutto l’indebolimento corneale che può provocare astigmatismi posteriori (la cornea si introflette)”. Come si articola il progetto della FDA? Il progetto – finanziato da Agenzie governative statunitensi (innanzitutto la FDA) – consta di tre fasi: 1) Questionari da compilare su internet, finalizzati a capire com’è stato vissuto dai pazienti l’intervento (e la fase successiva all’operazione). 2) Valutazione della qualità della vita e del livello di soddisfazione della LASIK così come espresso da un campione selezionato di popolazione (operato presso il centro di chirurgia refrattiva della marina statunitense) 3) Esperimenti e verifiche per valutare l’impatto del LASIK sulla qualità della vita della popolazione in generale. Quest’ultima fase si prevede che si concluderà entro il 2012. Il fine ultimo dello studio è, infatti, quello di ridurre gli effetti collaterali ai quali può andare incontro chi si sottopone a un intervento di chirurgia refrattiva laser. Poi la FDA valuterà quali eventuali azioni intraprendere per garantire una maggiore sicurezza e migliorare l’efficacia degli interventi LASIK.

Fonte principale: FDA


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.