Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Esercizio fisico e dieta contro il diabete

Occhio al diabete: se non prevenuto e controllato nuoce anche alla retinaEsercizio fisico e dieta contro il diabete Secondo un nuovo studio lo stile di vita sano è più efficace dei farmaci contro il tipo meno grave 15 marzo 2010 - Prevenire il diabete e le sue conseguenze deleterie su una serie di organi, tra cui gli occhi, è possibile. Sono l’esercizio fisico e la dieta le due armi principali contro la malattia da eccesso di zuccheri nel sangue. Se ciò suona come un consiglio dettato dal buon senso, oggi è ormai supportato da solidi studi scientifici, tra cui quello appena pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM) . Uno stile di vita salutare si è rivelato più efficace di due farmaci impiegati contro il diabete di tipo 2 (è la forma meno grave e non richiede la somministrazione d’insulina). Il problema è più diffuso di quanto non si creda se è vero che – la stima è riportata dalla Bbc – il 17% circa delle persone tra i 35 e i 65 anni soffre già di alterata tolleranza al glucosio. Lo studio del NEJM è stato condotto da ricercatori britannici e americani su un campione di oltre 9.000 persone di 40 Paesi diversi. Si sono confrontati gli effetti di due medicinali con un placebo (sostanza inattiva): circa un terzo dei pazienti ha sviluppato il diabete entro cinquePraticare regolarmente sport fa bene alla salute (aiuta anche a prevenire il diabete di tipo 2) anni. Condurre uno stile di vita sano – mangiando meno e meglio, oltre che praticando sport – ha comportato una riduzione dell’incidenza di diabete del 58% dopo 3 anni e del 34% dopo 10 anni (mentre la metformina ha consentito, rispettivamente, una diminuzione del 31% e del 18%). “La cura più efficace – ha commentato lapidario Rury Holman, direttore dell’Unità sperimentale di diabetologia dell’Università di Oxford – per chi corre un alto rischio di contrarre il diabete è la dieta e l’esercizio”. Infatti, essere in sovrappeso od obesi aumenta molto la possibilità di contrarre la malattia (però contano anche i fattori genetici). “Altri studi – ha incalzato il Prof. John McMurrey dell’Università di Glasgow – hanno dimostrato che perdere solamente il 5% del peso corporeo fa un’enorme differenza“. In Italia l’incidenza del diabete è stimata, secondo l’Istat, intorno al 4,5% e colpisce soprattutto gli anziani (il 14,5% degli ultrasessantacinquenni). Nel mondo, stando all’Oms, oltre 220 milioni di persone soffrono della patologia cronica che, tra l’altro, costituisce una seria minaccia per il sistema cardiovascolare, i reni, i nervi e la retina (vedi retinopatia diabetica).

Fonti: Bbc , The New England Journal of Medicine , Oms , Istat.

Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.