Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Dieta mediterranea toccasana per la vista

Dimostrati gli effetti positivi sullo stadio avanzato dell’AMD in un vasto studio europeo

Gli studiosi vogliono vederci chiaro: è vero che la dieta mediterranea contribuisce a proteggere la salute oculare? Un nuovo vasto studio europeo anticipato online da Ophthalmology è riuscito a dimostrare che, in effetti, tale “stile alimentare” ha un effetto positivo sulle persone affette da degenerazione maculare legata all’età (AMD), in particolare in chi è colpito da una forma avanzata. Precedenti studi avevano già evidenziato gli effetti protettivi sulla retina degli Omega-3 (contenuti soprattutto nel pesce), delle verdure a foglia verde e delle noci.

Modalità dello studio

I partecipanti sono stati visitati da un oculista e sono state scattate fotografie retiniche digitali a colori. I 5060 partecipanti sono stati scelti casualmente tra i 7 centri europei che vi hanno preso parte [1]: avevano un’età media di poco superiore ai 73 anni.

Le foto del fondo oculare sono state inviate a un unico centro di valutazione presso l’Università di Rotterdam, che ha classificato lo stadio dell’AMD da 0 (assenza di addensamento proteici chiamati “drusen” nella macula) a un massimo di 4 (degenerazione retinica causata da AMD neovascolare).

L’alimentazione dei partecipanti nei 12 mesi precedenti è stata analizzata sulla base di un questionario dettagliato che è stato loro somministrato.

Conclusioni

Bisogna incoraggiare l’adesione a una dieta mediterranea, considerata tra le più sane al mondo. Nei questionari si sono presi, ad esempio, in considerazione il consumo d’olio d’oliva, vino, frutta, verdura, pesce e il basso consumo di carne e dei suoi derivati. Un ulteriore punto è stato assegnato nel caso in cui si sia assunta almeno una porzione di frutta e verdura al dì (considerata però decisamente insufficiente dagli esperti). Mentre è stata penalizzata un’assunzione eccessiva di pane bianco o di riso, è stato privilegiato invece il consumo di pane integrale (almeno cinque porzioni la settimana). Insomma, se non si mangia con gli occhi, si può almeno... mangiare per gli occhi.

Fonte originale: Ophthalmology (pdf)

[1Norvegia, Estonia, GB, Francia, Italia, Grecia e Spagna


Pagina pubblicata il 23 novembre 2016.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.