Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Conciati per le feste

Tappi e fuochi d’artificio possono provocare danni oculari, ma i traumi sono prevenibili con alcune precauzioni

I traumi oculari vanno evitati con grande attenzione anche durante i festeggiamenti natalizi e per il Capodanno. La prevenzione è d’obbligo: in generale gli occhi sono la terza parte del corpo a subire danni dopo le mani e i piedi. Ad esempio, quando si stappa una bottiglia oppure se si esplodono fuochi d’artificio si corrono rischi senz’altro evitabili.

I consigli degli esperti

Mentre si stappa spumante, champagne o vino frizzante il consiglio è quello di tenere coperta la bottiglia con un panno, tenendola inclinata in modo da non direzionarla verso altre persone. Il tappo di uno spumante può viaggiare anche a velocità molto elevate (circa 80 km all’ora) e diventare un corpo potenzialmente contundente anche per il bulbo oculare. Scrive l’Accademia americana di oftalmologia:

Un tappo di champagne può viaggiare fino a 50 miglia orarie quando parte dalla bottiglia (sufficientemente veloce da infrangere un vetro). Se un tappo colpisce l’occhio può causare sanguinamento, abrasioni e persino glaucoma.

Ecco i consigli dell’Accademia americana:

  • raffreddare lo spumante o altro vino frizzante;
  • non agitare la bottiglia né, tantomeno, puntarla contro qualcuno;
  • tenere per sicurezza una mano sul tappo;
  • inclinare la bottiglia a 45 gradi circa puntandola lontano dalle persone;
  • con un tovagliolo o altro panno svitare il tappo e contrastarne leggermente la fuoriuscita con la mano.

Danni oculari: miti da sfatare

La maggior parte delle persone pensa che i traumi oculari siano più comuni sul posto di lavoro. Invece quasi le metà di essi avvengono in casa (44,7%), almeno stando a un Rapporto dell’American Academy of Ophthalmology e dell’American Society of Ocular Trauma.

Negli Usa oltre il 40 per cento dei traumi oculari l’anno sono correlati a sport o ad altre attività ricreative. Più del 78 per cento delle persone non indossava alcuna protezione agli occhi al momento del trauma oculare. Un atteggiamento superficiale e spensierato che fa riflettere. Non si chiede di mettere degli occhiali protettivi prima di stappare uno spumante per Capodanno, ma potrebbe essere una buona idea almeno mentre si fanno bricolage, giardinaggio, sport estremi o di contatto.

Leggi anche: USA, basket il più rischioso per gli occhi

Fonti: AAO, Oftalmologia Sociale


Pagina pubblicata il 16 dicembre 2016.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.