Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Cecità di Galileo, si indaga sul Dna

Un’équipe di ricercatori di Cambridge preleverà dei campioni dalla tomba del genio pisano a Santa Croce

La storia non si cancella, ma può essere ricostruita analizzando il Dna. Studiando il codice della vita di Galileo Galilei si tenterà di capire, a distanza di oltre tre secoli e mezzo, la causa della riduzione della sua vista che culminò nella cecità.

Oggi sepolto a Firenze nella basilica di Santa Croce - assieme ad altri grandi come Machiavelli, Donatello, Michelangelo, Rossini, Ugo Foscolo ed Enrico Fermi -, lo scienziato pisano si dedicò con sempre maggiore difficoltà, a causa della malattia oculare, alle sue osservazioni astronomiche: dai satelliti di EclissiGiove alle macchie solari, dalle eclissi lunari alle fasi di Venere. Lo scienziato non solo riuscì a confermare la tesi di Copernico secondo cui è la Terra a ruotare attorno al sole e non viceversa, ma gettò anche le basi della fisica moderna assieme a Newton e Keplero. A causa delle sue idee fu costretto dalla Santa Inquisizione ad abiurare pubblicamente.

Ritratto di Galileo (autore: Justus Sustermans)Il genio pisano riteneva che l’universo fosse un grande libro scritto in caratteri matematici; in effetti anche il Dna - che sarà indispensabile per studiare la sua salute oculare - può essere considerato una sequenza numerica fondata su due combinazioni di quattro elementi (ossia le basi azotate: adenina-timina, guanina-citosina, che costituiscono i pioli della celebre struttura ad elica).

Gli studiosi che effettueranno la difficile perizia saranno di prim’ordine: due scienziati Basilica di Santa Croce a Firenzedell’Università di Cambridge, tra cui Peter Watson, presidente della Società Oftalmologica internazionale. Inoltre partecipano all’impresa l’Osservatorio astronomico di Arcetri e l’Istituto di ottica fiorentino. Rispolverando la vita di uno scienziato che, nato nel 1564 e morto nel 1642, venne trasferito a Santa Croce poco meno di un secolo dopo.

Fonte di riferimento: Corsera

Pubblicato il: 22 gennaio 2009



Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.