Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Malattie oculari

Cecità corticale

Cos’è?

Con “cecità corticale” s’intende la perdita della vista dovuta a un danno della corteccia visiva, la parte del cervello che elabora gli impulsi elettrici derivanti dall’occhio: il sistema visivo può essere paragonato a una macchina fotografica (l’occhio) che trasforma le immagini in impulsi elettrici (il sensore digitale è simile alla retina) dopo aver messo a fuoco le immagini stesse (cornea, cristallino e corpo vitreo). Tali impulsi, tramite le vie ottiche, arrivano al cervello che elabora le immagini, dandoci al contempo consapevolezza di ciò che stiamo osservando. Quando questa parte del nostro cervello non funziona correttamente noi non siamo più in grado di codificare gli stimoli luminosi che ci provengono dall’esterno, nonostante gli occhi funzionino se considerati isolatamente.

Quando si manifesta?

Si manifesta dopo traumi, emorragie, infarti o tumori che colpiscono l’area occipitale della corteccia cerebrale (area 17 secondo la classificazione di Brodmann) o, in alcuni casi, per lesioni dell’ultimo tratto delle vie ottiche (porzione retro-genicolata). Perché si sviluppi la cecità corticale, entrambi gli emisferi devono essere colpiti simultaneamente.

Quali sono le cause?

Le cause che possono determinare cecità corticale possono essere di natura vascolare, per ischemia dell’arteria cerebrale posteriore e cerebrale media, traumatica, infettiva e tossica (ad esempio derivante da monossido di carbonio). Importanti interventi chirurgici, in particolare quelli cardiaci, potrebbero esserne causa in seguito a lunghi episodi di ipossia (insufficiente apporto di ossigeno ai tessuti).

Come si presenta?

Tale condizione si presenta con lesione bilaterale dei lobi occipitali e perdita dell’orientamento spaziale e topografico. L’apparato oculare risulta integro, con conservazione dei riflessi pupillari, normale aspetto del fondo oculare, normale motilità oculare e assenza del nistagmo optocinetico (movimento oculare involontario naturale per seguire gli oggetti in movimento).

A quali altri fenomeni è associata?

Gli affetti da cecità corticale possono presentare allucinazioni visive (percezione di un oggetto che si ritiene di vedere, ma che non viene osservato da altre persone presenti nello stesso ambiente). Altro fenomeno è la cosiddetta Sindrome di Anton, caratterizzata dalla negazione del paziente della cecità: il soggetto colpito non ne ammette l’esistenza descrivendo scene che ricostruisce partendo da suoni, profumi e sensazioni tattili percepiti precedentemente.


Scheda informativa a cura dell’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus
Leggi le condizioni generali di consultazione di questo sito

Pagina pubblicata il 19 novembre 2009. Ultimo aggiornamento: 16 settembre 2016.

Ultima revisione scientifica: 19 novembre 2009.

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.