Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Cataratta, l’importanza dei check-up dopo l’intervento

Visione notturna di persona con cataratta (simulazione visione dei fari delle auto)Cataratta, l’importanza dei check-up dopo l’intervento Non bisogna mai trascurare i controlli oculistici postoperatori come avviene, ad esempio, nei Paesi in via di sviluppo 5 luglio 2013 - Si inizia a vedere offuscato, i colori sono più sbiaditi e la sera si viene abbagliati più del solito dai fari delle macchine. Potrebbe essere un Operazione chirurgica di catarattaprincipio di cataratta (comune tra gli anziani), una malattia oculare che può essere operata sostituendo il cristallino divenuto opaco con una piccola lente artificiale. Anche negli stati dove l’operazione è economicamente sostenibile, si pone però il problema del controllo dopo l’operazione chirurgica, che non sempre viene effettuato. Circa la metà dei casi di cecità o ipovisione nel mondo (il 53% su oltre 285 milioni di persone con un handicap visivo) sono dovuti proprio alla cataratta. Questa malattia oculare non è considerata prevenibile, ma almeno operarla non è difficile; però, oltre alle difficoltà economiche, nei Paesi in via di sviluppo c’è una scarsa consapevolezza del problema, ci sono timori circa l’intervento e tendono a dominare atteggiamenti fatalistici che considerano irreversibile la cecità in età avanzata, mentre in realtà spesso così non è (almeno nel caso della cataratta). “Chirurghi competenti – scrivono due ricercatori inglesi dell’Istituto di Oftalmologia dello University College di Londra (UCL) e del celebre Moorfields Eye Hospital sono una componente essenziale per garantire servizi di alta qualità. Un numero inadeguato di chirurghi che possano effettuare indipendentemente interventi di qualità accettabile è un ostacolo pratico grave in alcune regioni (dal mondo, ad esempio nella Cina rurale così come in certe zone dell’Africa, dell’India e dell’Indonesia, ndr )”. I ricercatori ricordano come il programma congiunto IAPB-OMS , Vision2020 (l’iniziativa globale per eliminare la cecità evitabile entro la fine di questo decennio), comprende un aumento del tasso d’intervento di cataratta. I risultati finali riguardo al successo dell’operazione e a una sua maggiore diffusione nei Paesi in via di sviluppo non interessa solo il singolo individuo, ma anche l’intera comunità in cui questi è inserito. “Un attento monitoraggio – concludono gli autori dello studio – mediante visite che seguono l’operazione aiutano i medici a diagnosticare e a trattare tempestivamente complicazioni postoperatorie” (come infezioni oculari, scompenso corneale, ipertensione oculare, ecc.). Secondo l’Istat, infine, la cataratta colpisce mediamente in Italia l’8,5% della popolazione tra i 70 e i 74 anni, il 12,4% nei cinque anni successivi e il 17,1% di chi supera gli 80 anni. Dopo l’intervento è consigliabile sottoporsi ad almeno tre controlli oculistici; tuttavia, il loro numero esatto e la loro periodicità devono essere stabiliti dall’oculista caso per caso.

Fonti: The Lancet , Who , Istat

Ultima modifica: 11 luglio 2013

Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.