Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Antiossidanti, un’arma contro la cecità

Non vedente con accompagnatore Antiossidanti, un’arma contro la cecità Riducono la probabilità di contrarre l’AMD quando si è anziani Gli antiossidanti possono essere un’arma preziosa per prevenire la degenerazione maculare legata all’età (AMD) – una malattia oculare che colpisce il centro della retina –, soprattutto quando si è esposti frequentemente alla luce solare. A sostenerlo sono ricercatori della School of Hygiene & Tropical Medicine di Londra. Ben 4.753 persone con più di 65 anni sono state selezionate casualmente in Norvegia, Estonia, Inghilterra, Francia, Italia, Grecia e Spagna. L’età media dei partecipanti è stata di circa 73 anni (donne nel 55% dei casi). Durante lo studio è stato fotografato il fondo oculare (la retina) e sono stati effettuati dei prelievi sanguigni per conoscere il livello di antiossidanti. Inoltre sono stati fatte interviste per capire le abitudini di vita (grado d’istruzione, impiego di alcol e di fumo – che favorisce l’insorgere dell’Amd –, storia medica, tempo trascorso fuori casa, ecc.). Naturalmente è stato chiesto se si usassero occhiali, in particolare quelli scuri, oppure lenti a contatto. “I risultati – scrive l’università londinese – indicano che le persone con livelli di antiossidanti più bassi nel sangue sono più a rischio di contrarre l’Amd”. Dunque viene consigliato, particolarmente alle persone di mezza età, di proteggere i propri occhi dal sole e di assicurarsi che la dieta contenga le giuste sostanze nutritive e gli antiossidanti (per prevenire l’Amd è opportuno consumare pesce, noci, verdure a foglie verde...). L’occhio è particolarmente vulnerabile ai danni provocati dalla luce solare se non si fa ricorso a protezioni adeguate: soprattutto in caso di riverbero è opportuno ricorrere a filtri a norma di legge. “La radiazione ultravioletta – osserva l’università inglese – viene assorbita dal cristallino, ma la luce visibile ovvero quella ‘blu’ penetra fino alla retina e ci consente di vedere. Una protezione dagli effetti dannosi di questa luce viene fornita dalle vitamine antiossidanti C ed E, dai carotenoidi (luteina e zeaxantina) che la filtrano e dallo zinco”. “Non stiamo dicendo alla gente – precisa il Prof. Astrid Fletcher, che insegna epidemiologia dell’invecchiamento presso la London School of Hygene – di evitare il sole. I benefici della luce solare sono ben documentati, in particolare il suo ruolo nella sintesi della vitamina D”. Inoltre, conclude il docente, “non stiamo neanche raccomandando di assumere i complementi alimentari. È certamente possibile raggiungere le dosi giornaliere consigliate di questi antiossidanti essenziali seguendo una dieta equilibrata”.

Fonte: Londol School of Hygene and Tropical Medicine

Pagina pubblicata il 21 ottobre 2008.

Ultima modifica: 16 ottobre 2015


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.