Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

AMD, quando lo stile di vita può salvare la vista

FumatriceAMD, quando lo stile di vita salva la vista I maggiori fattori di
rischio sono l’età, il patrimonio genetico, il fumo e l’alcol


7 luglio 2008
- Occhio allo stile di vita per mantenere o migliorare la salute
oculare. Specialmente se si è anziani bisogna controllare almeno una volta
l’anno lo stato della retina, che può essere colpita dalla degenerazione
maculare legata all’età (Amd). Se diagnosticata per tempo si può intervenire
efficacemente, altrimenti si rischia di compromettere la visione centrale; infatti
la malattia colpisce una zona chiamata “macula”, responsabile della visione
distinta, utilizzata ad esempio per leggere questo testo. Oltre all’invecchiamento e ai fattori genetici, tra le cause
ci sono gli stili di vita scorretti: vanno evitati il fumo e l’abuso di alcol.Retina colpita da AMD (forma umida)

Su questo argomento è stato pubblicato lo studio Pamdi (Prevalence age-related macular degeneration in Italy), una ricerca
epidemiologica condotta tra gli over 60 italiani per valutare prevalenza e
fattori di rischio legati all’AMD. L’indagine, realizzata in collaborazione con la
Clinica Oculistica dell’Università di Padova, ha confermato che la malattia è
legata in modo diretto all’età: si passa dal 6,9% nella fascia di età 61-65, al
22,5% nella fascia 75-80, al 24,3% per gli over 85. La patologia colpisce più spesso le
donne: 16,6% rispetto al 10,3% degli uomini. Infine una curiosità: ne soffrono maggiormente gli
abitanti delle campagne rispetto ai cittadini.

Fonte: Repubblica
Salute


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.