Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Allungare la vita alle cellule retiniche?

Rivista scientificaAllungare la vita alle cellule retiniche? Si potrebbe fermare l’evoluzione verso la cecità provocata da alcune malattie grazie a una famiglia di molecole 17 novembre 2009 - La lotta contro la cecità ha registrato un altro piccolo progresso: ricercatori dell’Università di Yale (Usa) avrebbero capito come proteggere efficacemente le cellule retiniche (fotorecettori). Infatti, hanno studiato il meccanismo che ne causa la morte in persone affette da malattie oculari quali l’AMD (degenerazione maculare legata all’età) e la retinite pigmentosa. Nonostante la fine dei fotorecettori (coni e bastoncelli) sia dovuta a varie cause, l’équipe diretta dalla prof.ssa Caroline Zeiss è arrivata alla conclusione che l’attivazione di una particolare famiglia di molecole esercita un ruolo importante (si tratta della CREB1/ATF1); gli studiosi hanno ipotizzato, infatti, che essa contribuisca a proteggere la retina. Il prossimo passo potrà essere quello di mettere a punto un farmaco che sfrutti queste molecole. Retina colpita da AMD: la forma secca non è attualmente curabileNote: attualmente è considerata trattabile solo la forma umida, più grave ma meno comune, grazie alle iniezioni intravitreali. Tuttavia, la prevenzione svolge un ruolo fondamentale: in chi ha altri casi in famiglia di AMD è consigliabile smettere di fumare e mangiare pesce, frutta a foglia verde, noci, ecc. Inoltre, è importante praticare regolarmente esercizio fisico. Referenza originale: lliam A. Beltran, Heather G. Allore, Elizabeth Johnson, Virginia Towle, Weng Tao, Gregory M. Acland, Gustavo D. Aguirre, and Caroline J. Zeiss,

2009 50: 5355-5363. First Published on July 30 2009 as doi:10.1167/iovs.09-3741.

Fonte: IOVS


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.